Anche Goostalo contro l’abbattimento degli ulivi secolari in Puglia di goostalo

Come avrete già visto, nelle vetrine di Goostalo del mese di Maggio abbiamo inserito l’azienda agricola Annatonia Ramundo. E’ un’azienda che nasce nel cuore del Salento, territorio che adoriamo e dal quale provengono prodotti deliziosi e di alta qualità. Uno tra tutti l’olio extravergine di oliva che forse avrete avuto modo di provare. Se non lo avete fatto, invece, potete cogliere l’occasione e acquistare una bottiglia di Macina o Oleo dalla nostra vetrina.


L’olio della Puglia è un prodotto che rappresenta un territorio, una vera e propria eccellenza da promuovere sia in Italia che nel mondo. Un prodotto che proviene da ulivi secolari, ulivi che hanno una storia e delle radici salde nel Salento, stesso territorio in cui si sta combattendo una brutta battaglia contro la Xylella fastidiosa, il batterio che colpisce gli ulivi dal 2013 e che sta minacciando l’economia e la produzione della provincia di Lecce e di Brindisi. Per contrastare questa epidemia, purtroppo, per decisione della Commissione Europea, molti degli ulivi secolari sono stati abbattuti tra le grida di agricoltori e ambientalisti che hanno tentato invano di fermare le motoseghe.


Anche noi di Goostalo ci uniamo al loro appello, perchè abbattere degli ulivi secolari è come abbattere un po’ della storia della Puglia stessa, dei suoi tesori e della sua economia. Possibile che l’abbattimento sia l’unica soluzione? Forse è l’unica che è stata considerata.

Sono alberi che hanno una storia, alberi che hanno visto la storia di quel territorio e che nella zona sono amati come fossero degli esseri umani, come dei nonni centenari. Ad alcuni gli abitanti della zona hanno anche attribuito dei nomi per le loro caratteristiche o semplicemente in segno di affetto. Scopriteli in queste foto:

Nonno Aldo

Nonno Ottavio

Leonardo da Vinci